Rally Monza Show

Categoria: Esperienze Pubblicato: Lunedì, 06 Dicembre 2010 Scritto da Antonio Inglese

La manifestazione che all’origine aveva una configurazione similare alle gare di rally, nel corso degli anni, ha modificato leggermente la propria immagine arrivando a somigliare più ad uno show, al punto che gli stessi organizzatori la definiscono gara di rally  “ibrida”.
Infatti l’evento prende la denominazione di Rally Show di Monza, a cui non partecipano solo campioni di Rally ma anche piloti di motociclismo, ciclismo e personaggi dello spettacolo.

E proprio per mantenere fede al nome affibigliatogli, in conclusione dell’evento si disputa un vero e proprio Show. Ossia la domenica pomeriggio, esclusivamente sul rettilineo del circuito, piloti e non si confrontano in chicane e varianti, davanti ad una platea di spettatori sempre attenti. Purtroppo quest’anno le condizioni atmosferiche non hanno proprio aiutato il pubblico presente, che ha comunque raggiunto circa 25 mila presenze durante tutto il  fine settimana.

La pioggia incessante ha probabilmente infastidito anche i piloti in gara ma ha reso sicuramente lo spettacolo più entusismanate e ricco di emozioni create da colpi di scena e da riflessi vari oltre che da chilometriche scie di acqua. Infatti mi sono permesso di dire che quell’atmosfera aiutava anche il lavoro di quei fotografi e cineoperatori presenti all’evento…vi lascio immaginare le risposte….!!!

Anche amici stimati … a cui mi ero permesso di proferire parole come .... riflessi… scia…acqua…  spettacolare …!!! Mi hanno letteralmente invitato ad allontanarmi…certo che è che fotografare sotto una pioggia...incessante, mette a dura prova il fisico ma soprattutto l’attrezzatura.
Infatti bisogna fare i conti proprio con quella pioggia che pian pianino, settaggio dopo settaggio comunque raggiunge la zona della camera e sebbene uno si ricordi perfettamente le posizioni dei vari comandi … c’è sempre quaclosa che sfugge … senza contare che con un tempo così… la luce diminuisce in maniera vertiginosa e di certo non si può chiedere aiuto al flash.
Il quale avrebbe fatto comunque bene il suo dovere…però l’acqua era così forte che il flash avrebbe rischiato di renderla troppo protagonista. Perciò si spera di utilizzare gli iso in maniera esaustiva, in modo da portare a casa un tempo sufficiente ma anche poco rumore….
Inizia così il valzer degli iso….giusto e perfetto per pochi minuti…. Perché il buio avanza e come se non bastasse ci si mette pure un ritardo sulla tabella di marcia…..e allora cosa fare….imprecare e dare ragione ai miei amici oppure affidarmi alla mitica Canon 5dMarkII e al fantastico 300 mm 2.8?
Eheheh…ovviamente testardo come sono … la seconda…

Spero comunque di riuscire a trasmettervi, l’emozione di questo evento che ogni anno vede impegnati diversi campioni come Sordo, Capello, Simoncelli, Iannone, Andreucci etc…
All’anno prossimo…sperando che ci sia un po’ di sole…….!!!!

Vedi la Gallery completa

Il sito di Antonio Inglese: http://www.inglishphoto.com/