Massimiliano Angeloni

Tutti mi chiamano Max, anche se all’anagrafe i miei genitori mi hanno iscritto con il nome di Massimiliano.
Sono un fotografo professionista e direttore della fotografia. Da sempre prediligo la fotografia dove il protagonista è l’elemento “umano”: dal reportage, alla moda, dai fotoromanzi ai matrimoni.
I miei servizi fotografici sono pubblicati da testate italiane ed estere.
Fotografo in esclusiva per la casa di produzione fotoromanzi The Best (Grand Hotel in Italia, Nous Deux in Francia)
Ho curato per la stessa produzione anche la migrazione del processo analogico a quello digitale.
Ho collaborato per circa 10 anni con la rivista Fotografia Reflex scrivendo articoli legati a temi tecnici e alla prova di attrezzatura fotografica e l’illuminotecnica.
L’illuminotecnica, insieme al ritratto ambientato, sono anche le situazioni che prevalentemente affronto nei workshop e nei corsi di fotografia che realizzo, in veste di docente, in tutta Italia.
Dal 2018 docente presso La Placa Accademy.
Nel 2018 ho realizzato e condotto in veste di docente il Primo Corso di Fotografia presso la Legione Scuola Allievi Carabinieri.
Nel 2010 ho fondato Riflessifotografici.com che racchiude in un’unica entità il portale di cultura fotografica, la scuola di fotografia e l’etichetta di produzione cinematografica per la realizzazione e la promozione di film indipendenti.
Sono membro degli X-Photographers Fujifilm sin dalla loro fondazione (2012)
Per la Fujifilm Italia ho collaborato, nella veste di docente, in eventi quali il Photoshow ed eXperience tour.
Per la casa Editrice Reflex ho realizzato un libro della collana La Biblioteca del Fotografo dal titolo: Scrivere con la luce.
In collaborazione con Fujifilm Italia e Gruppo Storico Romano ho realizzato la pubblicazione “tra Fede e Storia” che raccoglie due lavori di ricostruzione storica: le origine del Natale di Roma (DCCC Ab Urbe Condita) e la Via Crucis Cattolica (la Via Dolorosa).
Nel 2016 ho pubblicato “X 5th Annyversary” in occasione della ricorrenza del quinto anno dalla fondazione dei Fujifilm X-Photographers.
Nel 2017 ho realizzato il libro fotografico “La Banda Musicale dei Carabinieri”.
Per questo lavoro mi è stato assegnato il premio internazionale Apoxiomeno - sezione Arte insieme ai premi oscar Helen Mirren e Taylor Hackford.
Nel 2018 la pubblicazione “Angeli e Dei” che descrive l’incontro di una Artista moderna con l’arte classica presente nel Museo Archeologico Nazionale di Ferrara.
In collaborazione con la Legione Allievi Carabinieri e l’Associazione Nazionale Carabinieri ho realizzato il libro fotografico in stile reportage “Cosa vuoi fare da giovane?” che mette in contrapposizione  le bellezze dell’Italia con le discariche in infrazione UE.
In collaborazione con Fujifilm ho partecipato al lavoro Wonder Plaza finalizzato alla stampa e pubblicazione di un libro su 7 delle principali capitali europee.
Con il patrocinio del Pontificio Consiglio della Cultura del Vaticano, ho fondato il gruppo Mt.9913 con la finalità di eseguire una nuova versione della “Vocazione di S. Matteo” del Caravaggio. L’immagine realizzata è stata poi magistralmente dipinta dal Maestro Ippazio Campa ed il quadro è esposto permanentemente all’interno del Duomo di Salerno dove sono conservate le reliquie del Santo.

 

riflessifotografici
portale di cultura fotografica

Max Angeloni fotografo
il mio sito Internet

facebook
la mia pagina su facebook

instagram
la mia pagina su instagram

X-Photographer Fujifilm
Alcuni miei lavori sulla pagina ufficiale Fujifilm

Pietro Todaro

Questo sono io... piuttosto, questo è quello che vorrei fare quando cresco....
Sono circondato da fotografi del calibro di Angeloni, Chirulli ed altri validi collaboratori e in questo panorama, posso solamente ed umilmente considerarmi una “voce fuori dal coro”. Fin da quando ho memoria, ho sempre avuto una macchina fotografica in mano. Sono partito con una Kodak Instamatic con i flash cubes, per passare alla Olympus Pen (72 scatti con un rullino da 36... che affarone!), e poi alla Nikon FE che ho usato regolarmente fino a pochi anni fa. Poi il grande salto... la “dimensione digitale”. Non mi vergogno nel ritenermi uno degli ultimi della mia generazione ad aver abbandonato l'analogico per il digitale.
Già... “la dimensione digitale”. Parlando con amici e fotografi mi rendo conto che sono probabilmente rimasto in una sorta di stato embrionale, e talvolta mi sembra di essere fuori sintonia con il resto del mondo (considerando che la mia accoppiata preferita è Fuji S5 Pro con il Nikon 50mm 1.4 degli anni 80, questa dovrebbe dirla tutta).
Il digitale è meraviglioso, la fotografia digitale ha aperto a tutti la possibilità di fare foto (non ho detto di fare Fotografia), ma con tutti quei menu, quei dati tecnici, quei salti quantici annuali tra modelli... beh... semplicemente non riesco a starci dietro. Non mi fraintendete non sono un ultrà dell'analogico, anzi.Quindi come rientro in tutto ciò? Adoro le fotografie e adoro scattarle, ma contrariamente alla maggior parte dei recensori in siti come questo, io faccio le foto “suonando ad orecchio in quanto non so leggere gli spartiti”.
Faccio delle belle foto? Talvolta... È fortuna? Potrebbe essere.... E' passione?
Sicuramente si. Pura passione!
Questo è fondamentalmente quello che mi spinge a portare in giro circa 1 chilo e mezzo di macchina fotografica ovunque vada. Essendo un fanatico della Street, il rumore pesantissimo del “click” della mia Fuji mi fa correre dei rischi di tanto in tanto... ma ne vale la pena.
Avendo la fortuna di essere un appassionato “outsider” questo sito mi permetterà di condividere certe mie frustrazioni, forse alcuni lettori con meno esperienza condivideranno le mie parole, mentre quelli più avanzati potrebbero farsi delle sane risate.
Quindi, questo sono io... né un fotografo, né un traduttore, amo semplicemente fotografare in continuazione, e se una serie di tre foto mi dovessero venire bene, beh... allora sono felice.

Link


Max Angeloni Web Site


 

 


 

Max Angeloni Official Xphotographer