RIFLESSIFOTOGRAFICI

Semplicemente fotografare

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
www.riflessifotografici.com

4 foto al mese: Marzo

Le 4 foto al mese scelte sul gruppo FaceBook "Semplicemente Fotografare": Marzo

 

4 fotografi…4 fotografie… 4 commenti.

L’importante…come sempre… e pensare a divertirsi senza prendersi troppo sul serio.

Questo mese abbiamo selezionato:

Fabio Janin, Emanuele Minetti, Eleonora De Gaetani, Mauro Raponi

Leggi tutto...
 

Zeiss Touit 12mm e 32mm

Testo e Foto di Max Angeloni


Senza specchio... senza compromessi


L'entrata di Zeiss sancisce la definitiva consacrazione dei sistemi CSC. Non più macchine di ripiego ma veri e propri strumenti fotografici in grado di soddisfare le esigenze anche dei fotografi più esperti.


Nei primi anni di vita, i sistemi CSC, hanno stentato ha trovare una loro precisa collocazione nel vasto mondo dell'offerta fotografica. In molti avevano previsto, frettolosamente, un immediato declino delle reflex a favore delle macchine fotografiche prive di specchio. La realtà si è rilevata bene differente e a soffrire perdite cospicue di fette di mercato sono state le compatte di fascia alta. Questo è imputabile a diversi fattori. Primo tra tutti, l'immaturità di questi giovani sistemi soprattutto sotto il profilo delle prestazioni operative. Inoltre, l'inadeguatezza del parco ottico rispetto a quanto offerto dai sistemi tradizionali, ha rilegato per lungo tempo le CSC al ruolo di prodotti indirizzati più ai fotografi senza eccessive pretese che ai fotoamatori evoluti.

 

Mirror-less...Compromise-less

Zeiss's presence into the CSC camera market seems the final consecration of such cameras. They are no longer a "second choice" camera systems but effective photographic tools capable of satisfying the needs of the most experienced photographers.

During their first years of life the CSC cameras have had to find a spot of their own in the wild photographic market. Many thought that such cameras would have lead to a quick fall of the DSLR cameras systems in favour of the new mirrorless camera systems. Reality is different and the high end compact cameras are the ones that suffered the most because of the CSC cameras. There are various reasons for this. First of all, the fact that these young systems were rough, were not as mature as the DSLR ones, especially for what concerns the overall performances. Also, the limited number of lenses available, compared to the incredible amount available for the most used systems forced the CSC cameras to be a consumer oriented product rather than a professional one.
(English Version Here)

Leggi tutto...
 

Projet 192 - Flash Mob

Si è svolto a Roma, l'11-3-2014 il Flash Mob del Projet192, per ricordare le 192 vittime degli attentati di Madrid, a 10 anni dall'accaduto. Come sapete, il nostro Donato Chirulli (al centro, accanto all'ideatore di Projet 192,Ciro Prota), ha partecipato al progetto e, non poteva mancare all'evento svoltosi con grande successo a Piazza Navona.

L'album, con tutte le foto scattate dai partecipanti è visibile qui: Flash Mob 192

The 11th of March 2014, took place in Rome The Flash Mob of Projet192, to commemorate the 192 victims of the Madrid bombings, 10 years after. As you know, our Donato Chirulli (center, next to the inventor of Projet 192, Ciro Prota), participated in the project and could not miss the event held with great success in the Piazza Navona.

The album, with all the pictures taken by the participants is visible here: Flash Mob 192

 

Test Fujifilm X-T1 (Part II)

Testo e foto di Donato Chirulli

Fujifilm X-T1, Fujinon XF 18-55 mm @ 18mm - Iso 400 - f/4,0 - 1/100 sec.

Che dire ancora sulla X-T1, dopo le dotte ed esaustive considerazioni dell’amico Max Angeloni? (Qui)E’ ancora possibile fornire ai nostri affezionati lettori qualche altro dato, o indicazione, per approfondire la conoscenza di questo nuovo “gioiellino” di casa Fuji….? Sicuramente (ma questo lo saprete già) non approfondirò tematiche tecniche che sono fuori dalla mia portata. E allora, penserete voi, che scrivi a fare? Beh, voglio raccontarvi la mia esperienza fotografica di questi ultimi anni.

What should I add to what Max Angeloni said about the Fuji X-T1? (Here)Is there room to provide additional data or to know more in depth this Fuji’s gem? Yes, for sure, but I’m not used to discuss technical data that are out of my scope. Now you’re thinking…”So what do you write for?” Well, I would like to tell you about my photographic experience during the last years.

English Version (By Luca Petralia): Here

 

Leggi tutto...
 

4 foto al mese: Febbraio

Le 4 foto al mese scelte sul gruppo FaceBook "Semplicemente Fotografare": Febbraio

 

4 fotografi…4 fotografie… 4 commenti.

L’importante…come sempre… e pensare a divertirsi senza prendersi troppo sul serio.

Questo mese abbiamo selezionato:

Max Allegritti, Stefano Cicali, Rossano Baleani, Mattia Grossi

Leggi tutto...
   

Fujifilm X-T1

Testo e Foto di Max Angeloni


Fujifilm X-T1

Premessa.
Questo è un periodo particolare dell’evoluzione fotografica digitale.
Fino a poco tempo fa, corredi formati da reflex professionali e ottiche fantascientifiche, erano posseduti o desiderati anche dai fotografi in erba in nome della massima qualità fotografica.
Con l’avvento delle CSC, l’estrema miniaturizzazione ha fatto colpo anche sui fotografi più smaliziati che hanno fatto entrare questi mezzi nelle loro borse in nome della massima compattezza.
Sembrava una deriva dei continenti che, basando principalmente la propria energia su contraddittorie motivazioni, portava inevitabilmente all’allontanamento di queste due “filosofie” fotografiche.
In realtà le cose stanno in maniera differente da come noi le percepiamo.
Il nocciolo della questione è sempre lo stesso.
In una scrittura della luce in cui, nella scala delle gerarchie, il mezzo tecnico prevale sulla crescita  culturale del fotografo, è inevitabile assistere a questa rincorsa spasmodica verso lo strumento fotografico “perfetto”.

This is an interesting moment in the evolution of digital photography. 
Until recently it was usual to see pro-grade cameras and huge lenses in the hand of beginners, or just photography enthusiasts. This kind of cameras were the most desired because of the will to not accept compromises about image quality. But thanks to the CSC things are different now. The miniaturization trend has hit many photographers, even the most skilled, allowing CSC cameras to be part of their regular photographic gear. Like a continental drift, these two philosophies look fated to get away from each other. Quality vs Size. A battle based on conflicting motivations, that aren't always true. As usual, reality is different from what we percieve.
However during these days it is usual to consider the instrument more important than the cultural growth of the photographer, and this lead to the inevitable rush towards the "perfect" photographic tool.

English Version Here

Leggi tutto...
 

Nikon Df: il parere del professionista

Sul numero di Febbraio 2014 di Fotografia Reflex, 8 pagine sono dedicate ad un approfondimento completo e dettagliato, delle caratteristiche principali della Nikon Df.
All'interno dell'articolo, realizzato da Michele Buonanni, due pagine raccolgono le impressioni sul campo del nostro Max Angeloni.

Buona Lettura.

 

Mag72:Cosa puoi imparare da un fotografo professionista

Sono veramente onorato dalle belle parole scritte dall'amico Giovanni Battisti nell'articolo pubblicato su www.mag72.com.
Penso che questo articolo riassuma perfettamente quale sforzo e quanto lavoro ci sia dietro ad un clik.
Non solo un click... non solo il fotografo... ma un'insieme di persone ed elementi che devono muoversi in perfetta sintonia affinché il lavoro possa essere compiuto il meglio possibile.
Me lo stampo e lo conservo nell'album dei ricordi più belli.

 

Cosa puoi imparare da un fotografo professionista

foto e testo di Giovanni Battisti

"Poter seguire, da vicino, un fotografo professionista al lavoro è un'occasione unica per imparare i trucchi del mestiere.
Questa settimana ho avuto l'opportunità di seguire Max Angeloni sul set del suo ultimo progetto, una rappresentazione fotografica della Via Crucis messa in scena con la collaborazione del Gruppo Storico Romano. Ecco cosa ho imparato."

Continua su Mag72

 

Projet192

Un grandissimo...e meritevole progetto fotografico, è giunto oggi al termine della sua prima fase. L'omaggio di 192 fotografi (e, orgogliosamente, il nostro Donato Chirulli è tra questi) da varie parti del mondo, alle 192 vittime della strage di Madrid, in occasione del decennale. Questo "sogno", ideato da Ciro Prota, oggi vede la luce..... Non perdetevelo assolutamente......!!!!

A great … and worthy photographic project, arrived today at the end of its first phase. The tribute of 192 photographers (our Donato Chirulli is proudly among these) from various parts of the world, to the 192 victims of the massacre in Madrid, on the occasion of the tenth anniversary. This “dream”, created by Ciro Prota, today sees the light ….. Do not miss it …… Absolutely!!

Link: Project 192

   

4 foto al mese

Le 4 foto al mese scelte sul gruppo FaceBook "Semplicemente Fotografare"

In questo periodo Riflessifotografici.com ha lavorato molto dietro le quinte e poco in pubblico. Come sempre cerchiamo di migliorare, come tradizione, il nostro piccolo portale di cultura fotografica.

Sono in preparazione numerose novità… tra cui una nuova veste grafica… una riorganizzazione delle notizie e degli articoli… e l’apertura di una piccola finestra anche su Facebook.
In verità il gruppo su Facebook è già attivo da quasi due mesi ma oggi diamo via ufficialmente all’iniziativa che prevede una selezione di fotografie scelte tra gli iscritti del gruppo “Semplicemente Fotografare”. Già…semplicemente fotografare… Una passione… un divertimento…un lavoro… un momento di unione e, perché no… un momento di crescita. Le foto selezionate da Max Angeloni, Donato Chirulli, Daniele D’amato e Giorgio Rossi saranno corredate da un commento a spegazione delle motivazioni che hanno portato a scegliere proprio tali scatti.

4 fotografi…4 fotografie… 4 commenti.

L’importante…come sempre… e pensare a divertirsi senza prendersi troppo sul serio.

Questo mese abbiamo selezionato:

Diego Bardone, Renato Greco, Monica Albrieux, Luigi Reho.

Leggi tutto...
 

Nissin MG8000 Extreme

In edicola su Fotografia REFLEX di Gennaio 2014

 

Semplicemente fotografare

Semplicemente fotografare... nulla di più.
Non abbiamo e non vogliamo avere pretese... non vogliamo insegnare niente a nessuno...
Quello che abbiamo scritto e scriveremo... quello che abbiamo fotografato e fotograferemo lo abbiamo fatto solo per il piacere di condividere un "clik" con chi ha la stessa passione.
Questo non è un sito di tecnicismo esasperato in cui potete trovare granitiché verità... se siete finiti qui con tale speranza... abbandonate queste pagine e non entrate.
Se invece trovate un embrione di curiosità sedetevi... versatevi una bella tazzina di caffé... accendetevi una sigaretta (attenzione...il fumo fa male... uccide... diventate impotenti cagionevoli e cardiopatici... evitate di fumare in presenza di minori e donne in stato interessante...) e iniziate a sfogliare queste pagine.
Qualora troviate i contenuti del sito di qualche interesse... purché siate in pieno possesso delle facoltà di intendere e volere... ci farete un po' contenti.
Ma se volete farci contenti... ma veramente contenti prendete seriamente in considerazione l'idea di condividere le vostre esperienze con tutti noi attraverso queste pagine.
Se invece il totale disinteresse si sarà impadronito di voi... pazienza... ci saremo bevuti un caffé e fumato una sigaretta insieme.
In ogni caso ricordatevi di... areare bene il locale una volta usciti.

https://www.facebook.com/groups/semplicementefotografare/

 

A tutta Focale

In edicola su Fotografia Reflex di Dicembre

 

Fujifilm X-Stories: Ab Urbe Condita

Testo e Foto di Max Angeloni

Cenni storici

DCCC Ab Urbe Condita, ovvero 8 secoli dalla fondazione di Roma. Ci troviamo alla vigilia dei primi festeggiamenti che celebrano questa ricorrenza.

È il 47 D.C. (alcune fonti posticipano la data al 48 D.C.) e Claudio è l’imperatore di Roma.

Claudio, con un termine moderno, È stato il vero outsider degli imperatori che si sono alternati sul trono di Roma.

La tradizione narra che fu trovato dai Pretoriani, nascosto dietro ad una tenda nel luogo dove venne assassinato Caligola. Tremante di paura, Claudio si aspettava di essere ucciso e invece fu proclamato Imperatore.

Ovviamente le motivazioni che portarono questo personaggio “secondario” della famiglia Giulio-Claudia a capo di Roma sono molto più complesse e articolate.
Ma tant’è che a 50 anni, questo uomo, con un fisico debilitato da una malattia giovanile, deriso e collocato ai margini della vita politica, si ritrovò improvvisamente Cesare di Roma.

L’essere uno degli uomini più eruditi dell’epoca lo aiutò non poco nei 14 anni del suo governo.

Governo che portò a Roma l’annessione di nuove province come la Britannia, opere pubbliche di enorme importanza come l’ultimazione di due acquedotti, il porto di Ostia ed importanti innovazioni amministrative e legislative.

Historical background

DCCC Ab Urbe Condita, that means 8 centuries since the birth of Rome. We are on the eve of the celebrations for this anniversary.

It's year 47 a.C. (even if someone say it's 48 a.C.) and Rome's Emperor is Claudio.

To say it in a modern way, Claudio was the outsider among the Emperors that ruled Rome throughout the history.

The legend says He was found by Pretorians, hidden behind a tent in the same place in which Caligola was killed. Claudio expected to be killed but he was declared Emperor (English version here).

Leggi tutto...
 

Scuola di Fotografia 2014

info e prenotazioni: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 


Pagina 1 di 14

Menu Principale

Fotografare

Calendario

Non ci sono eventi al momento.

Statistiche

Tot. visite contenuti : 540226

Chi è online

 13 visitatori e 2 utenti online
  • Woonyspoova

Login